Affitto la Ripartizione delle Spese

Affitto la Ripartizione delle Spese

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA PROPRIETARI E INQUILINI

La suddivisione delle spese tra proprietari e inquilini in un contratto di affitto è spesso un argomento di contesa, ma la legge offre chiarezza su come gestire questa questione. Le spese possono essere suddivise in due categorie principali: spese ordinarie e spese straordinarie.

Spese Ordinarie

Le spese ordinarie sono quelle necessarie per la gestione delle parti comuni dell’edificio e la fornitura dei servizi comuni. Queste spese includono la pulizia delle scale, il riscaldamento, le polizze assicurative e altre spese simili che si verificano annualmente.

Spese Straordinarie

Le spese straordinarie, d’altro canto, riguardano interventi eccezionali e non ricorrenti come il rifacimento della facciata, la sostituzione della caldaia o il rifacimento del tetto.

La legge italiana regola la suddivisione di queste spese nel Codice Civile, in particolare nell’articolo 1123. Secondo questo articolo, “le spese necessarie per la conservazione ed il godimento delle parti comuni dell’edificio, per la prestazione dei servizi nell’interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione”.

Questo significa che, in linea di principio, la suddivisione delle spese si basa sul valore dell’immobile di ciascun condomino. Tuttavia, ci sono alcune eccezioni e correzioni previste dalla legge per tener conto di situazioni particolari:

1. Uso Diverso delle Parti Comuni: Se alcune parti comuni sono utilizzate in misura diversa dai condomini, le spese possono essere ripartite in proporzione all’uso che ciascuno ne fa.

2. Gruppi di Condomini con Utilità Specifica: Se un edificio ha più scale, cortili, lastrici solari o impianti destinati a servire una parte specifica dell’edificio, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne trae vantaggio.

La legge stabilisce anche obblighi specifici per la manutenzione di scale e ascensori, basati sul valore delle singole unità immobiliari e l’altezza di ciascun piano dal suolo.

Inoltre, l’assemblea condominiale può nominare un revisore per verificare la contabilità del condominio, e le spese relative sono suddivise tra tutti i condomini in base ai millesimi di proprietà.

Tabella oneri accessori e il Codice Civile

La ripartizione delle spese tra proprietari e inquilini in un contratto di affitto è regolata dalla legge italiana, con un’attenzione particolare alla tabella oneri accessori.

La tabella oneri accessori concordata tra Confedilizia e Sunia-Sicet-Uniat, registrata il 30 aprile 2014 presso l’Agenzia delle Entrate, Ufficio Territoriale di Roma 2, con il numero 8455/3, rappresenta un importante punto di riferimento per la ripartizione delle spese tra locatore e conduttore in un contratto di affitto.

Queste tabelle offrono chiarezza e trasparenza nella gestione delle spese accessorie, contribuendo così a prevenire potenziali conflitti e malintesi tra le parti coinvolte. Tuttavia, è essenziale leggere attentamente e comprendere gli accordi specifici del proprio contratto di affitto, inclusa qualsiasi tabella di oneri accessori allegata, per essere pienamente consapevoli dei propri obblighi finanziari.

Sebbene il principio fondamentale sia la proporzione al valore dell’immobile, esistono eccezioni e correzioni per tenere conto dell’uso delle parti comuni e delle specifiche disposizioni contrattuali.

È importante che i proprietari e gli inquilini siano consapevoli di questi regolamenti per evitare controversie e mantenere un rapporto armonioso all’interno dell’edificio.

Come si dividono le spese tra conduttore e locatore in un contratto d’affitto?

Esaminiamo ora come solitamente si dividono queste spese e quali sono le principali linee guida a cui attenersi.

La legge e il principio generale

L’articolo 1576 del Codice Civile italiano stabilisce il principio generale in merito alla divisione delle spese tra locatore e conduttore. Secondo questa norma, il locatore, ossia il proprietario dell’immobile, è tenuto ad eseguire tutte le riparazioni necessarie, tranne quelle di piccola manutenzione, che rientrano invece nell’obbligo dell’inquilino. In altre parole, il conduttore deve occuparsi delle spese ordinarie legate alla manutenzione quotidiana, mentre il proprietario è responsabile delle eventuali riparazioni straordinarie.

Legge 392/78: Dettagli sulla suddivisione delle spese

La Legge 392/78, nota come “Disciplina delle locazioni di immobili urbani,” fornisce ulteriori dettagli sulla ripartizione delle spese tra locatore e conduttore. Questa legge specifica che, a meno che non ci sia un accordo diverso tra le parti, le seguenti spese sono completamente a carico del conduttore:

  • Spese di pulizia: Il conduttore è responsabile per il servizio di pulizia dell’immobile.
  • Spese relative all’ascensore: L’ordinaria manutenzione e il funzionamento dell’ascensore sono a carico dell’inquilino.
  • Fornitura di servizi: Le spese relative all’acqua, all’energia elettrica, al riscaldamento e al condizionamento dell’aria sono a carico del conduttore.
  • Spurgo di pozzi neri e latrine: Il costo dello spurgo di pozzi neri e latrine è a carico dell’inquilino.
  • Altri servizi comuni: Le spese per altri servizi comuni sono a carico dell’inquilino, a meno che non ci sia un accordo diverso tra le parti.

Le spese relative al servizio di portineria sono un caso speciale: in genere, il conduttore è tenuto a coprire il 90% di queste spese, a meno che non sia stato concordato un importo diverso tra le parti. Affitto la Ripartizione delle Spese.

Procedure di pagamento e trasparenza

La legge stabilisce che il pagamento delle spese deve avvenire entro due mesi dalla richiesta. Prima di effettuare il pagamento, il conduttore ha il diritto di ricevere un dettaglio completo delle spese, compreso il modo in cui sono state calcolate e suddivise. Inoltre, il conduttore ha il diritto di visionare i documenti giustificativi delle spese effettuate, garantendo così una maggiore trasparenza e tutela dei suoi interessi finanziari.

Opere straordinarie e integrazione del canone

In casi eccezionali in cui siano necessarie opere importanti e improrogabili per conservare l’efficienza dell’immobile, il locatore può chiedere all’inquilino un aumento del canone. Questo aumento non può superare l’interesse legale sul capitale impiegato nelle opere, dopo aver dedotto indennità e contributi ricevuti dal locatore per tali lavori.

Tabella di riferimento per la divisione delle spese

La seguente tabella fornisce una panoramica della ripartizione delle spese tra locatore e conduttore per alcune delle spese più comuni:

Tipo di SpesaConduttoreLocatore
PuliziaNo
Ascensore (manutenzione)No
Fornitura di AcquaNo
Fornitura di Energia ElettricaNo
RiscaldamentoNo
Condizionamento dell’AriaNo
Spurgo di Pozzi Neri e LatrineNo
Altri Servizi ComuniNo
Portineria (solitamente 90%)No
Opere StraordinarieIn base a accordoSì (con integrazione canone)

In conclusione, la divisione delle spese tra locatore e conduttore in un contratto d’affitto è regolamentata da leggi specifiche che cercano di garantire un equo equilibrio tra le responsabilità finanziarie delle due parti.

È fondamentale che entrambe le parti siano consapevoli dei propri obblighi e diritti, e che si attengano a quanto previsto dalla legge e dall’accordo stipulato per evitare dispute future.

Conta sull’Esperienza della Nostra Agenzia Immobiliare

Se possiedi un appartamento da affittare a Milano, Monza e Brianza e desideri massimizzare il tuo investimento in modo sicuro ed efficiente, la nostra agenzia immobiliare Santalfredo è pronta ad aiutarti. Metti il potenziale della tua proprietà nelle mani esperte dei nostri agenti, che si prenderanno cura di ogni aspetto del processo di locazione.

Abbiamo una comprovata esperienza nella gestione delle proprietà in affitto, e possiamo offrirti Massima Visibilità grazie alle nostre strategie di marketing efficaci, garantiamo che la tua proprietà raggiunga il pubblico giusto. Utilizziamo canali online, annunci mirati e la nostra rete di contatti per assicurarci che il tuo appartamento riceva l’attenzione che merita.

La Selezione degli Inquilini avviene attraverso un rigoroso processo di selezione per assicurarci che la tua proprietà venga affidata a persone affidabili e solide dal punto di vista finanziario. Effettuiamo controlli dei precedenti affitti e delle referenze per garantire una scelta adeguata.

Siamo disponibili per rispondere alle tue domande, contattaci oggi stesso.

Decidi di vendere casa tua ora!

Fai il primo passo verso un cambiamento importante.

Conoscendo il valore della tua casa avrai più controllo e possibilità di ottenere il risultato che cerchi.

Valuta casa tua! Vendi casa con noi!

Valuta casa tua

    Valuta il mio immobile

      Iscriviti alla nostra newsletter

      Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato su tutte le novità in casa immobiliare. Potrai essere il primo a conoscere le nostre offerte speciali, le ultime tendenze del settore, gli aggiornamenti sulle leggi di mercato e molto altro. Facci sapere se c'è un argomento che desideri approffondire. Ti auguriamo una buona lettura.

      ×

       

      Ciao

      Come possiamo aiutarti? Inizia a chattare su WhatsApp

      ×